COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 02 febbraio 2016
Il Ministro Pinotti in visita a Erbil

Il ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti nel pomeriggio del 01 febbraio è arrivato a Erbil, accompagnato da una folta delegazione composta dal Capo di Stato maggiore Gen. Claudio Graziano, il Consigliere diplomatico, Min. Pl. Nicoletta Bombardiere con i rispettivi capi di gabinetto, il Comandante del contingente militare italiano a Erbil, Brig.Gen. Francesco Maria Ceravolo e altri funzionari del Ministero della Difesa italiano. Il ministro Pinotti all’aereoporto internazionale di Erbil è stato ricevuto dal ministro degli interni e dei peshmerga Karim Sinjari, il Capo del Dipartimento delle Relazioni Estere, Ministro Falah Mustafa, l’Alto Rappresentante del KRG in Italia, la Dott.ssa Rezan Kader e da parte italiana l’Ambasciatore italiano a Baghdad, Dott. Marco Carnelos e il Console italiano a Erbil, Dott.ssa Alessandra Di Pippo.


Il ministro della Difesa italiano ha incontrato ad una cena di benvenuto il primo Ministro Nechirvan Barzani e ha visitato le truppe italiane a Erbil.
Nella giornata odierna il ministro Pinotti incontrerà il primo ministro iracheno Haider al-Abadi e visiterà la diga di Mosul dove 500 soldati italiani sono di stanza e i rappresentanti della società italiana Trevi che sta lavorando sulla ristrutturazione della diga.
La Dott.ssa Kader ai giornalisti ha dichiarato che visite istituzionali ditale portata nella regione del Kurdistan sono significative in ​​quanto dimostrano un forte interesse dei paesi europei per la Regione e i Peshmerga.


Kader ha aggiunto che dall’inizio della guerra contro i terroristi dell’ISIS, l'Italia è stata una parte importante della coalizione globale e gli italiani sono la seconda forza militare più grande nella regione del Kurdistan.
“L'Italia ha sostenuto le forze peshmerga con armi e munizioni e ha sostenuto la regione con l'assistenza umanitaria", ha detto ai giornalisti all'aeroporto internazionale di Erbil.