COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

01 - 06 aprile 2015
La Dott.ssa Rezan Kader accompagna il Cardinale Filoni, inviato speciale del Santo Padre, nella Regione del Kurdistan a visitare i campi profughi.

L’Alto Rappresentante del Governo Regionale del Kurdistan in Italia ha accompagnato il Cardinale Filoni, inviato speciale del Santo Padre in Iraq in una visita ufficiale nella Regione del Kurdistan.
Il Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli ha visitato i villaggi a nord del Kurdistan iracheno dove sono stati accolti migliaia di profughi in fuga dai jihadisti del sedicente Stato Islamico. Il Card. Filoni ha raccontati come sia stato impressionato dall’incontro con i profughi non solo cristiani ma anche musulmani e yazidi. Ha visitato i campi a Duhok, Zakho, Erbil, Suleimania ove ha celebrato la Santa Messa e incontrato le autorità locali politiche, religiose e rappresentanti delle organizzazioni umanitarie come la Caritas che ha una presenza fondamentale in loco.

Il 04 aprile, il Cardinale Filoni ha incontrato il Presidente della Regione del Kurdistan Masoud Barzani al quale ha espresso la sua gratitudine ripetuto alla Regione del Kurdistan per i loro sforzi di aiutare i profughi cristiani.
Il presidente Barzani ha trasmesso i suoi saluti personali a Sua Santità Papa Francesco, aggiungendo che la regione del Kurdistan è orgogliosa del fatto che è storicamente una regione di convivenza tra persone di tutte le etnie e religioni.
Domenica 5 aprile, il Cardinale Filoni ha incontrato il Primo Ministro Nechirvan Barzani al quale ha espresso la sua gratitudine al governo regionale del Kurdistan per l'assistenza fornita agli sfollati interni che sono stati costretti a fuggire dalla repressione violenta dell'organizzazione terroristica dello Stato islamico, ISIS, e rifugiarsi nella regione del Kurdistan.

Il Cardinale ha detto che la situazione attuale degli sfollati nella regione del Kurdistan è significativamente migliore rispetto al loro arrivo nella regione, e si auspica che la situazione torni presto alla normalità e che le persone sfollate siano in grado di tornare alle loro case e che l'armonia e la convivenza fraterna prevalga ancora tra i vari gruppi etnici e religiosi del paese.

Il Cardinale ha manifestato al Primo Ministro Barzani e al governo regionale del Kurdistan la sua gratitudine e quella di Sua Santità Papa Francesco lodando i sacrifici fatti dalle forze peshmerga nella loro lotta contro ISIS, così come il coraggio che hanno dimostrato nell'affrontare i terroristi in difesa di tutti le componenti della società irachena, senza alcuna distinzione.

Entrambe le parti hanno discusso i recenti sviluppi politici e militari in Iraq e nella regione del Kurdistan. Essi hanno discusso anche del periodo successivo alla sconfitta dell’ISIS al fine di consentire agli sfollati di tornare alle loro case e proprietà. Le due parti hanno sottolineato la necessità di aiutare gli sfollati e proteggerli in modo da garantire non solo il loro ritorno sicuro, ma anche la ripresa di una vita normale.

Il primo ministro Barzani ha espresso il suo apprezzamento e quello del suo governo per la visita del cardinale Filoni alla Regione del Kurdistan e ha fatto riferimento alla recente visita che lui e funzionari del KRG avevano svolto in Vaticano, dove hanno incontrato Sua Santità Papa Francesco. Egli ha osservato che il popolo e il governo della Regione del Kurdistan credono nella fratellanza e convivenza, nonché nell'unità tra tutti le componenti che vivono insieme nella regione del Kurdistan.

Il Primo Ministro ha sottolineato che il KRG continuerà a fornire aiuti per gli sfollati, sperando che la situazione diventi presto di nuovo normale in modo che gli sfollati possano tornare sani e salvi alle loro case. Ha concluso che il governo regionale del Kurdistan è pronto a fornire tutta l'assistenza necessaria e a garantire la sicurezza ai profughi, una volta rientrati al loro luogo di origine.