COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 02 marzo 2016
La Dott.ssa Rezan Kader incontra il ViceDirettore Generale e Direttore centrale per i paesi del Mediterraneo e Medio Oriente al Ministero degli Affari esteri, Min. Pl. Giuseppe Perrone

In data odierna, la Dott.ssa Kader ha incontrato il ViceDirettore Generale e Direttore centrale per i paesi del Mediterraneo e Medio Oriente , Min. Pl. Giuseppe Perrone alla Farnesina.
Al centro dei colloqui, la situazione nella regione del Kurdistan, la lotta contro Daesh, la crisi umanitaria in corso e l’emergenza ricostruzione delle aree e città distrutte dai terroristi e che sono state liberate dalle forze peshmerga. In particolare, le aree maggiormente interessate sono la città di Shingal e la zona della Piana di Ninive, principalmente abitata dai cristiani.
A fronte delle enormi difficoltà che la Regione del Kurdistan sta fronteggiando e dell’assenza di supporto da parte del Governo centrale, che si ostina non inviare il budget previsto per il governo regionale, l’Alto Rappresentante ha sottolineato che la situazione è divenuta insostenibile e necessita di un forte supporto a livello internazionale. Questa crisi sta diventando foriera di tensioni sociali all’interno del paese e acuirà il fenomeno migratorio verso l’Europa.
Il Ministro Perrone ha ribadito il forte impegno del Governo Italiano nei confronti della Regione del Kurdistan, della lotta contro Daesh, della crisi umanitaria in corso e della normalizzazione dei rapporti col Governo centrale di Baghdad. Inoltre, è stato costituito un Fondo per la stabilizzazione gestito dalla Germania, di cui l’Italia è parte, che mira proprio a spostare velocemente le risorse nelle aree liberate con più difficoltà. Attraverso la Direzione della cooperazione allo sviluppo si pianificheranno poi vie per fornire ulteriore supporto al Governo Regionale del Kurdistan. Al momento, la priorità è tuttavia riparare la diga di Mosul e difenderla. La società italiana Trevi e i soldati italiani inviati in loco si occuperanno di tale emergenza.