COPY RIGHT ©KRG ITALY 2018 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Martedì 6 febbraio 2018
Perché il primo ministro del Kurdistan merita il Nobel per la pace

The Washington Times

Perché il primo ministro del Kurdistan merita il Nobel per la pace.

Di Rachel Avraham .


Dopo il referendum sull'indipendenza del Kurdistan, la maggior parte dei paesi non hanno rispettato il diritto del popolo curdo a proclamarsi uno stato indipendente. Gli americani erano turbati dal fatto che i tempi non fossero maturi per il referendum. I turchi, gli iracheni, gli iraniani e i siriani erano ostili all'idea fin dall'inizio, poiché temevano la possibilità di perdere parte del loro territorio per le aspirazioni nazionali kurde.
L'Iraq e l'Iran erano persino pronti a dichiarare la guerra per assicurarsi che nessun nuovo stato curdo nascesse. Le guardie rivoluzionarie iraniane insieme alle milizie sciite hanno attaccato Kirkuk e le altre zone contese. Lo spazio aereo kurdo è stato interdetto alle compagnie internazionali. I kurdi hanno subito embarghi e hanno affrontato un grande isolamento internazionale. Dal momento che il Kurdistan è un'area senza sbocco sul mare, un embargo da parte degli stati confinanti è una decisione fatale.
Non importa quanto Masoud Barzani abbia cercato di superare la tempesta e rassicurare i turchi, gli americani e il mondo in generale che uno stato kurdo avrebbe migliorato la sicurezza regionale e dichiarato di essere interessato solo al Kurdistan iracheno e a nessun altro territorio.
Gli avversari tradizionali dei kurdi non erano convinti di fare marcia indietro e persino gli Stati Uniti non aiutavano i loro alleati curdi, sottolineando che i kurdi non ascoltavano i loro consigli sottolineando che il referendum era inopportuno e doveva essere fatto dopo la rielezione di Mr. Abadi e non prima. Alla fine, il termine di Masoud Barzani terminò. In mezzo a tutto questo caos, è emerso un eroe che ha salvato la situazione.
Il primo ministro del Kurdistan, Nichervan Barzani, con la sua energia giovanile aveva tutto il sostegno popolare di cui aveva bisogno se avesse deciso di lanciare una guerra totale per l'indipendenza. La regione del Kurdistan è stata attaccata da oltre 68 diverse milizie sciite. I vicini del Kurdistan hanno iniziato questa campagna di aggressione perché non volevano dare ai curdi la possibilità di diventare indipendenti.
I Peshmerga kurdi erano più che pronti a contrattaccare e difendere un Kurdistan indipendente, un sogno nazionale che è stato negato dalle potenze coloniali dall'inizio del secolo, quando i confini degli stati mediorientali furono elaborati senza prendendo in considerazione chi ha vissuto in quelle aree. Questo è il modo in cui sunniti, sciiti e curdi sono rimasti bloccati a vivere in uno stato fallito chiamato Iraq.
I kurdi volevano fortemente uscire da questo stato fallito e costruire il proprio paese, che ritenevano avrebbe avuto maggiori possibilità di successo poiché uno stato kurdo sarebbe stato più omogeneo, più democratico, più pluralista e più umano di qualsiasi altra soluzione sotto il controllo di un dittatore settario. Tuttavia, nonostante il fatto che la giustizia fosse dalla sua parte poiché oltre il 50% del suo territorio è stato invaso dopo che i kurdi hanno combattuto duramente per difendere le proprie zone dall'ISIS e da altri gruppi terroristici, Nichervan Barzani si è impegnato a favore della pace.
Barzani ha visto che il suo popolo stava già soffrendo immensamente per la grande perdita di Kirkuk e temeva che si sarebbe verificato un terribile disastro umanitario nel caso in cui avesse lanciato una guerra su vasta scala. Dopo che i curdi hanno subito immense tragedie sotto Saddam Hussein, non potevano permettersi di perdere la loro area autonoma nella sua interezza. Quindi il signor Barzani si è affidato alla diplomazia. Sosteneva che se Abadi avesse applicato effettivamente la costituzione irachena nella sua forma federale, la spinta per l'indipendenza sarebbe stata inutile.
Così ha congelato i risultati del referendum sull'indipendenza del Kurdistan e ha iniziato a incontrare i leader di tutto il mondo per fare pressione su Abadi nel rispettare la Costituzione irachena. E’emerso che, mentre c'era un sostegno limitato per un Kurdistan indipendente, il signor Barzani ha ricevuto un massiccio sostegno internazionale per costringere il signor Abadi a seguire correttamente la Costituzione irachena. Gli americani, i francesi e altri importanti attori hanno concordato sul fatto che il modo in cui Abadi ha violato la Costituzione irachena fosse inaccettabile.
Abadi non voleva concedere ai curdi alcuna concessione e, se mai, voleva ulteriormente erodere i loro diritti. Ma è stato preso alla sprovvista quando i curdi hanno dimostrato di essere impegnati nel dialogo internazionale e nella negoziazione basata sulla costituzione federale. E così lentamente e gradualmente, le cose sono cominciate a migliorare e non perché il Sig. Abadi voleva che succedesse, ma perché la diplomazia del signor Barzani lo costringeva ad adattarsi alla nuova realtà.
La situazione dei curdi iniziò a migliorare senza spargere altro sangue grazie alla diplomazia di Barzani e alla sua saggezza di sapere quando evitare la guerra. E per questo motivo, merita il Nobel per la pace per aver impedito quella che sarebbe stata una sanguinosa guerra con grandi sofferenze umanitarie in Iraq.
• Rachel Avraham, analista senior di ricerca sui media presso il Center for Near East Policy Research