COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 11 novembre 2014
Visita ufficiale del Capo di Stato Maggiore della Difesa,  Amm. Luigi Binelli Mantelli nella Regione del Kurdistan

Nella giornata di ieri, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Amm. Luigi Binelli Mantelli, si è recato in visita ad Erbil per un confronto con le più alte autorità del Governo Regionale del Kurdistan.
La delegazione, composta da alti funzionari dello Stato Maggiore della Difesa, è stata accompagnata dalla Dott.ssa Rezan Kader, Alto Rappresentante in Italia e presso la Santa Sede del Governo Regionale del Kurdistan.
L’Amm. Binelli, accolto all’arrivo dal Ministro degli Affari Peshmerga, Mustafa Sayid Qadir e dall’Ambasciatore italiano in Iraq Massimo Marotti, nel corso della visita ha incontrato il Presidente della Regione del Kurdistan Masoud Barzani, e il suo omologo iracheno Generale Babaki Zebari
Il Presidente Barzani ha ringraziato l’Amm. Binelli per il supporto che l’Italia ha fornito e sta fornendo alle autorità Kurde nella guerra contro l’ISIS, ribadendo la necessità di un ulteriore sostegno da parte della comunità Internazionale in termini di materiali d’armamento e di addestramento.
Il Capo di Stato Maggiore ha confermato l’impegno dell’ Italia nel fornire supporto ai Peshmerga nel contrasto allo Stato Islamico, in particolare per ciò che riguarda attività di addestramento in Italia.
Successivamente l’Ammiraglio Binelli ha incontrato il Primo Ministro del Governo Regionale del Kurdistan, Nechirwan Barzani, il Ministro dell’Interno Abdulkarim Sultan Sinjari e il Capo del Dipartimento degli Affari Esteri, Min. Falah Mustafa.
Dai colloqui svolti è emerso inoltre come la Regione del Kurdistan sia divenuta rifugio stabile per circa un milione e mezzo di rifugiati interni a cui si aggiungono quelli provenienti dalla vicina Siria, oltre alla volontà di contrastare insieme la minaccia rappresentata dai terroristi dell’ISIS, che rappresenta un pericolo non solo per l’area medio orientale ma per l’intera Comunità Internazionale.