COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Vienna, 13 – 14 giugno 2015
La Dott.ssa Kader partecipa al Congresso delle Rappresentanze all’estero del Governo Regionale del Kurdistan

Si è svolto nei giorni del 13 e 14 giugno 2015 a Vienna il Congresso di tutte le Rappresentanze all’estero del Governo Regionale del Kurdistan.
Il Congresso, presieduto dal Vice primo ministro Qubad Talabani e dal Capo del Dipartimento degli affari esteri, Min. Falah Mustafa, ha visto la partecipazione di tutti i Rappresentanti degli uffici di rappresentanza governativi all’estero.
Prima dell’inizio dei lavori, tutti i partecipanti hanno osservato un minuto di silenzio in memoria dei martiri dei peshmerga caduti nel corso della lotta contro i terroristi dello stato islamico.
Nel suo discorso introduttivo, il Ministro Falah Mustafa ha ringraziato il Vice primo ministro Qubad Talabani per la sua cortese partecipazione ed ha ringraziato tutti i rappresentanti per il lavoro svolto e il loro ruolo nella creazione e sviluppo di rapporti costruttivi con i Paesi della Comunità Internazionale. Il Ministro Falah ha desiderato porre l’accento sull’importanza di tale congresso al fine di stendere un piano d’azione volto a migliorare il rapporto di collaborazione tra il Dipartimento delle Relazioni estere e le Rappresentanze nel mondo e tra gli stessi uffici di Rappresentanza governativi, e a consentire una maggiore affermazione della causa kurda nel mondo. Ha infine ringraziato la Rappresentanza KRG in Austria per aver ospitato tale importante congresso e per aver curato al meglio tutti gli aspetti logistici e al fine di garantire il successo dell’evento.
A seguire l’intervento del vice primo ministro Qubad Talabani che ha ringraziato a nome suo e del Governo Regionale del Kurdistan tutte le rappresentanze in quanto organo fondamentale del governo per la difesa della causa kurda nel mondo.
I punti chiave presentati ai Rappresentanti sono stati: lo sviluppo economico e finanziario del Paese e i relativi problemi con Baghdad, in particolare gli accordi raggiunti sul petrolio e la legge sul budget, le evoluzioni sul fronte militare e la crisi umanitaria in corso. Tali problematiche verranno gestite e risolte attraverso il dialogo pacifico tra le parti.
Il vice primo ministro ha ringraziato tutti i paesi che stanno collaborando nella lotta contro Daesh ed ha invitato le rappresentanze ad esercitare una forte pressione sulla comunità internazionale al fine di conseguire un maggior supporto militare e umanitario. La Regione del Kurdistan, nonostante sia molto orgogliosa degli sforzi sostenuti, sta ospitando 1 milione 800 mila rifugiati e necessita pertanto di maggiori sacrifici da parte della comunità internazionale, delle Nazioni Unite e delle organizzazioni umanitarie. In tale quadro le Rappresentanze all’estero hanno senza dubbio un ruolo determinante.
Il Vice primo ministro ha poi lasciato la parola ai singoli rappresentanti per presentare le attività svolte, i risultati raggiunti, le difficoltà e problematiche riscontrate e le proposte di miglioramento nella conduzione delle relazioni politico – diplomatiche e culturali con i Paesi ospitanti le rappresentanze.