COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

14 agosto 2014
Il primo ministro Barzani discute dell’assistenza per i cristiani con l'inviato speciale del Papa

Il cardinale Filoni, inviato speciale per Papa Francesco, ad Erbil

Erbil, Kurdistan, Iraq (KRG.org) - Il primo ministro Nechirvan Barzani ha ricevuto oggi il cardinale Fernando Filoni, inviato speciale di Papa Francesco, e la sua delegazione d'accompagnamento.
L'inviato ha portato il saluto e la gratitudine del Papa al primo ministro Barzani per l'aiuto e il supporto fornito dal governo e il popolo della regione del Kurdistan ai cristiani sfollati. La maggior parte dei cristiani sono giunti dalla pianura di Ninive e Mosul. La delegazione ha anche applaudito lo sforzo KRG di proteggere tutti gli altri sfollati in fuga dai terroristi.
Il primo ministro Barzani ha ribadito che è dovere del KRG proteggere e sostenere gli sfollati cristiani, Yezidi, e di altri gruppi religiosi ed etnici che cercano rifugio nella regione del Kurdistan. Ha detto che mobiliterà tutte le risorse a loro sostegno; tuttavia, dato il numero di rifugiati e sfollati, il KRG non può fornire un’assistenza adeguata. E 'quindi necessario che il governo iracheno e la comunità internazionale forniscano tempestivamente assistenza umanitaria.
Il primo ministro ha aggiunto che i cristiani, Yezidi, e altri gruppi minoritari sono nativi della zona, con radici storiche nella regione. Hanno bisogno di protezione fisica dai terroristi, non solo un sostegno verbale, perché i terroristi hanno come bersaglio chiese, moschee e santuari. Il primo ministro Barzani ha osservato che i terroristi ora hanno a disposizione un esercito e hanno arruolato persone provenienti da tutto il mondo, e pertanto la comunità internazionale, in coordinamento con il KRG e il governo iracheno, devono affrontare insieme tale situazione.
Durante il colloquio, le parti hanno convenuto sull'importanza di protezione internazionale per tutte le comunità etniche e religiose native nelle pianure di Ninive, tra cui cristiani, yezidi, sciiti, sunniti, turcomanni, Shabak, curdi e arabi. Entrambe le parti hanno convenuto di esercitare pressioni a livello globale per assicurare la protezione internazionale dai terroristi.
Il Cardinale ha chiesto al KRG di individuare soluzioni per l'alloggio e la sistemazione per gli sfollati, nonché per gli studenti in modo che essi non perdano l’anno accademico. Il primo ministro ha promesso di dare seguito a questa richiesta e di coordinarsi con le autorità competenti del KRG per attuare misure adeguate.
Nel corso della riunione è stato deciso di istituire un comitato di Erbil tra le autorità competenti del KRG e i leader delle comunità cristiane per rispondere ai bisogni immediati degli sfollati, e di costituire comitati simili in altre province.
La delegazione ha dichiarato che i cristiani non dimenticheranno mai il sostegno fornito dal governo e il popolo del Kurdistan, e che la storia registrerà queste azioni. Il primo ministro Barzani ha invitato la delegazione di mobilitare l'influenza internazionale del Vaticano a sostenere la Regione del Kurdistan e le famiglie sfollate che sta ospitando.