COPY RIGHT ©KRG ITALY 2018 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 20 luglio 2018
Peshmerga premiati alla XXII edizione del Premio Apoxiomeno

Il Teatro Parioli di Roma, venerdì 19 luglio 2018, ha ospitato la XXII edizione del premio “Apoxiomeno Award”, dedicato alle arti performative con cinema, sport e Forze dell’Ordine.
L’idea del premio è del Tenente Colonnello Orazio Anania che, oltre a essere l’indiscusso Direttore Artistico, presiede l’Associazione “L’Arte di Apoxiomeno” con l’obiettivo di contribuire alla promozione e alla diffusione della cultura della legalità.
L’Apoxiomeno è un Premio dedicato alle Forze dell’ordine rappresentate in quasi tutte le forme artistiche che hanno accolto il tema della divisa. Da qualche anno ha assunto un valore ancora più speciale per la presenza di importanti e prestigiosi protagonisti del panorama internazionale.
Il Premio Apoxiomeno infatti, riconosce e premia l’attività delle Forze dell’Ordine di tutto il mondo e delle autorità che si battono con lodevole coraggio per la tutela e la difesa dei diritti fondamentali.
Si guarda dunque, all’opera degli apparati di sicurezza e ai loro uomini, attraverso gli occhi del Cinema, della Televisione, della Letteratura, dell’Arte e dello Sport, della legalità.


Il riconoscimento, per tale motivo, è assegnato a personaggi o Istituzioni che attraverso la loro attività lavorativa o professionale hanno dato, e danno, lustro alle forze dell’ordine.
Il riconoscimento, anche quest’anno, è stato assegnato a personaggi dello spettacolo e autorità internazionali, che, attraverso la loro attività lavorativa o professionale, hanno dato lustro alle Forze dell’Ordine.
Il Primo Premio nella categoria Forze dell’ordine è stato consegnato ai valorosi Peshmerga del Governo Regionale del Kurdistan, che negli ultimi trent’anni hanno subìto cinque genocidi, si sono battuti per amore della patria e hanno dimostrato ammirevole coraggio nel preservare i diritti fondamentali degli uomini nella lotta contro Daesh, battendosi fino alla morte.
L’intervento dei Peshmerga ha salvaguardato il mosaico multietnico e religioso presente nella Regione del Kurdistan e in Iraq.
Hanno ritirato il Premio Apoxiomeno per la categoria Peshmerga:
• Dott.ssa Rezan Kader - Ambasciatrisce del Governo Regionale del Kurdistan in Italia e presso la Santa Sede;
• Colonnello Sarbast Lazgeen Abdulrahman – Vice Ministro dei Peshmerga;
• Colonnello Salar Aziz - Presidente Accademia della Polizia del Kurdistan;
• Dr. Kemal Kirkuki - Comandante dei Peshmerga, ex Presidente del Parlamento del Kurdistan;
• Dr. Renas Jano Mohammad - Parlamentare dell’Iraq;
Nel corso della serata, nella categoria Forze dell’Ordine sono stati premiati anche Jan Maciejewsky, sociologo dell’Università di Wroclaw, propulsore del progetto “Gruppi di disponibilità” impiegato dalla Polizia polacca per coordinare i vari campi d’intervento ed il Comando Generale della Polizia Rumena, rappresentato dal Col, Corina Georgescu per l’altra professionalità e l’impegno dimostrato nella sicurezza internazionale.
Il Premio è rappresentato da una statuetta d’argento, appositamente ideata è realizzata dallo scultore aretino Carlo Badii e rappresenta l’atleta greco che si deterge dagli olii usati pur ungere il proprio corpo, attraverso l’uso dello strigile, tema ripreso da Apoxiomeno classici.
L’evento è stato patrocinato dal Ministero degli Interni, Mibact, Presidenza Consiglio Regionale Lazio, Amministrazione di Roma, Comando Generale Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Arma dei Carabinieri, Coni, Fair Play European Movement, Comitato Nazionale Fair Play, ANCRI, International Police Association.