COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 23 febbraio 2016
La Dott.ssa Rezan Kader incontra il Sottosegretario di Stato al Ministro della Giustizia, On. Gennaro Migliore

In data odierna l’Alto Rappresentante del Governo Regionale del Kurdistan in Italia, la Dott.ssa Rezan Kader è stata ricevuta dal Sottosegretario di Stato al Ministro della Giustizia, On. Gennaro Migliore presso il Ministero della Giustizia in Roma.
Al centro dei colloqui le relazioni tra l’Italia e la Regione del Kurdistan, l’attuale situazione nella Regione del Kurdistan, la lotta contro i terroristi Daesh, la grave crisi umanitaria e finanziaria in corso. Il Governo Italiano, sottolinea la Dott.ssa Kader, ricopre un ruolo di primo piano all’interno della coalizione internazionale, nonché sul piano militare e umanitario. Tuttavia, la situazione è diventata insostenibile anche a causa dell’assenza di supporto da parte del Governo centrale di Baghdad. L’Alto Rappresentante ha inoltre interessato l’On. Migliore della questione del riconoscimento del genocidio curdo del 1988 sotto la dittatura di Saddam Hussein e quello attuale perpetrato dai terroristi dell’ISIS nelle sedi competenti italiane, europee e internazionali.
L’On. Migliore ha dichiarato essere un dovere di tutti i Paesi ripristinare la pace, garantire la libertà di ogni essere umano e riconoscere i torti che sono stati inflitti al popolo curdo, trattandosi per di più di crimini contro l’umanità. Il popolo curdo è un popolo coraggioso che ha sempre difeso i valori della libertà, democrazia, uguaglianza per tutti a prescindere dell’appartenenza etnico - religiosa. L’Italia ha un ruolo importante nella coalizione e sta cercando di attirare sempre più l’attenzione internazionale sulla crisi che sta vivendo il Kurdistan iracheno. Sarà pertanto suo impegno sensibilizzare le autorità competenti sul riconoscimento legale dei genocidi curdi e valutare eventuali azioni che il Ministero della Giustizia possa portare avanti direttamente, avviando per esempio una cooperazione intergiudiziaria tra i rispettivi paesi.