COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 24 aprile 2014
La Dott.ssa Kader viene ricevuta dal Presidente della Commissione Affari esteri del Senato, Pierferdinando Casini

La Dott.ssa Kader in data odierna si è recata in visita al Presidente della Commissione Affari esteri del Senato, Pierferdinando Casini.
L’Alto Rappresentante e il Presidente della Commissione Affari Esteri hanno discusso della situazione interna della Regione del Kurdistan dell’Iraq soprattutto a seguito delle elezioni dello scorso settembre, a cui non è seguito ancora la creazione di un nuovo Governo.
Per quanto riguarda invece i rapporti col Governo centrale, la Dott.ssa Kader ha fatto presente al Presidente Casini che vige uno stato di tensione tra le due parti sia per l’interruzione da parte di Baghdad di far pervenire al governo regionale il 17% degli introiti dalla vendita del petrolio sia per le imminenti elezioni politiche irachene.
La Dott.ssa Kader e il Pres. Casini hanno poi parlato delle relazioni bilaterali tra l’Italia e la Regione del Kurdistan dell’Iraq e i crescenti scambi commerciali e investimenti italiani in loco a fronte della stabilità e pace che regna nella Regione a differenza di altre zone del Medio Oriente e del resto dell’Iraq.
La Dott.ssa Kader ha invitato il Pres. Casini, in quanto Presidente della Commissione Affari Esteri del Senato a sensibilizzare le istituzioni italiane nel supportare la Regione del Kurdistan nel mantenimento della pace e stabilità nell’area e nel pervenire  nelle sedi opportune al riconoscimento del genocidio del popolo kurdo, come è accaduto in diversi Parlamenti europei.
La Dott.ssa Kader ha sottolineato che Il Kurdistan dell’Iraq è una piccola regione che sta affrontando delle sfide enormi, quali la crisi umanitaria siriana e la presenza di più di 8000 famiglie cristiane sfuggite dalle persecuzioni nel resto dell’Iraq.
Il Pres. Casini ha mostrato la sua massima disponibilità a supportare la Regione del Kurdistan, promettendo alla Dott.ssa Kader di attivarsi concretamente nelle questione sollevate.