COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Merc, 24 Dicembre 2014
La Dott.ssa Rezan Kader riceve con il Ministro Falah il ministro degli Esteri italiano in visita ufficiale a Erbil


Erbil, Regione del Kurdistan, Iraq, (KRG.org) – La Dott.ssa Rezan Kader ha accolto in data odierna all’aeroporto di Erbil il ministro degli Esteri Italiano Paolo Gentiloni e la sua delegazione d'accompagnamento. La delegazione è stata poi accompagnata dal Primo Ministro della Regione del Kurdistan, Nechirvan Barzani.

Nel corso della riunione, il Primo Ministro Barzani ha evidenziato gli ultimi sviluppi nella guerra contro l'organizzazione terroristica dello Stato islamico, noto come ISIS, e le recenti vittorie dei peshmerga nell’area di Sinjar e i suoi dintorni. Ha mostrato la gratitudine del popolo del Kurdistan e del governo nei confronti degli Stati Uniti, dei paesi europei e dei membri della coalizione internazionale per il loro sostegno alle forze peshmerga.
Il primo ministro ha spiegato come l'impatto dei raid aerei della coalizione hanno cambiato l'equilibrio della guerra e ha evidenziato la resilienza delle forze dei Peshmerga nella lotta contro il terrorismo.
Il Primo Ministro ha anche parlato della situazione disastrosa dei più 1,5 milioni di sfollati interni e rifugiati, fuggiti dalle violenze dell’ISIS e rifugiatesi nella Regione del Kurdistan. Egli ha esortato la comunità internazionale e le Nazioni Unite per fornire assistenza nel più breve tempo possibile, in quanto con l'arrivo della stagione invernale le condizioni saranno più difficili.
Il Primo ministro Barzani ha espresso la sua gratitudine al Primo Ministro Italiano ed al Capo di stato maggiore italiano per aver visitato la regione del Kurdistan dopo gli assalti dell'ISIS nel mese di agosto e ha trasmesso i suoi saluti personali al suo omologo.
Il primo ministro Barzani ha sottolineato che il KRG ha bisogno del supporto dell’Italia per incoraggiare la comunità internazionale e l'Europa ad aiutare la regione del Kurdistan nel suo sforzo di ottenere il riconoscimento dei crimini commessi dall’ ISIS contro i kurdi Yezidi come genocidio.
In un'altra parte della riunione, il primo ministro ha sottolineato del recente accordo raggiunto all'inizio di questo mese tra Erbil e Baghdad, con l’auspicio che apra la strada per risolvere le questioni in sospeso in modo realistico. Ha anche ribadito il sostegno della Regione del Kurdistan per il nuovo primo ministro iracheno e il suo governo.
Il ministro degli Esteri italiano ha lodato le forze peshmerga per le loro recenti vittorie a Sinjar e le aree circostanti e ha rilevato l'importanza del ruolo dei Peshmerga nella coalizione internazionale contro ISIS, aggiungendo che il suo paese continuerà a sostenere la regione del Kurdistan.
Egli ha anche sottolineato che il numero di consiglieri militari italiani, che attualmente stanno formando le forze peshmerga, sarà aumentato nel prossimo futuro, sottolineando che l'Italia continuerà a sostenere la regione del Kurdistan sia direttamente che all'interno della coalizione internazionale.
Il Ministro Gentiloni ha anche osservato che l'Italia può aiutare la regione del Kurdistan nel processo di ricostruzione dei territori detenuti dall’ISIS, una volta liberati, sottolineando che l'Italia ha una significativa esperienza nella ricostruzione e restauro.
Per quanto riguarda la presenza in Italia nella Regione del Kurdistan, il ministro degli Esteri si auspica che l’ ufficio di rappresentanza diplomatica a Erbil si trasformi presto in consolato generale, aggiungendo che il parlamento italiano ha già approvato la mossa.