COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma, 5 Febbraio, 2013
Partecipazione della Dott.ssa Kader alla 58esima Assemblea Generale dell’ATA – Atlantic Treaty Association

l’Alto Rappresentante del Governo Regionale del Kurdistan dell’Iraq la Dott.ssa Rezan Kader ha partecipato alla 58esima Assemblea Generale dell’ATA – Atlantic Treaty Association svoltasi presso la NATO Defense College all’interno della Città militare della Cecchignola a Roma.

L’ATA è un organismo ufficialmente riconosciuto dalla Nato e composto dalle Associazioni atlantiche di ogni Paese membro dell’Alleanza. Nella giornata odierna ha avuto luogo la cerimonia d’apertura dell’Assemblea generale cui sono intervenuti il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi di S.Agata, il ministro della Difesa, Amm. Giampaolo Di Paola, e l’omologo albanese, il ministro Arben Imami, il Presidente  del Comitato Atlantico Italiano On. Prof. Enrico La Loggia, il Presidente dell’Associazione del Trattato Atlantico On. Karl A. Lamers, il Segretario Generale del Comitato Atlantico Italiano, il Dott. Fabrizio W.Luciolli, il Rappresentante Permanente italiano al Consiglio dell’Atlantico del Nord l’ Amb. Gabriele Checchia e molti altri ancora provenienti dal mondo politico, diplomatico, militare, accademico, della comunicazione e dei centri di ricerca.

La 58ma Assemblea generale “NATO and the future of Cooperative Security” si propone  di offrire un contributo politico e scientifico per promuovere un approccio efficace alla sicurezza nella regione euro-atlantica, facilitare l’incontro tra i decision-maker e i rappresentanti dei centri di studio e di ricerca dei paesi Nato e partner (con particolare riferimento alla regione del Mediterraneo ed al Medio Oriente) e di promuovere la solidarietà dei popoli dell’area atlantica, dell’Europa centrale e sud-orientale e dell’area del Caucaso e del Mar Nero.

Dalla giornata è emersa una voce unanime e condivisa ovvero quella di costruire un'Alleanza aperta ai cambiamenti, pronta ad affrontare le sfide del futuro attraverso il pieno sostegno degli Stati membri dell'Ue e capace di mantenere una difesa sostenibile a fronte dei tagli imposti dal clima di austerity che ha investito gran parte dei Paesi internazionali. Solidarietà, coesione e cooperazione sono i binari da percorrere affinché la Nato si integri ''in una nuova era'', sostenuta dai Paesi Ue con l'obiettivo di coinvolgere le forze emergenti come Brasile, Cina e Africa.

La Dott.ssa Kader ha avuto modo di confrontarsi con le numerose autorità presenti in merito ai temi della sicurezza, della difesa e della stabilità internazionale ispirandosi ai valori universali del dialogo pacifico e della cooperazione, difesi e sanciti dalla NATO e dalla Carta delle Nazioni Unite.

Inoltre, la Dott.ssa Kader ha sottolineato l’importanza del riconoscimento del genocidio kurdo, in vista del 25° anniversario della sua commemorazione la cui cerimonia avrà luogo il prossimo marzo nel Kurdistan iracheno. Le medesime autorità hanno rivolto alla Dott.ssa Kader il loro pieno supporto affinché tale crimine non venga più perpetrato.

La giornata odierna si è conclusa con una cena di gala a Villa Madama, ove la Dott.ssa Kader è stata la keynotespeaker. La Dott.ssa Kader ha ringraziato i rappresentanti del Comitato Atlantico Italiano per aver offerto alla sottoscritta di poter parlare ad un uditorio così di prestigio in nome del popolo kurdo, della Presidenza e del Governo della Regione del Kurdistan di valori fondamentali quali il dialogo, la coesistenza religiosa, la tolleranza, la convivenza civile, come mezzo di risoluzione pacifica di qualsiasi controversia.

Infine, l’Alto Rappresentante si è complimentata con l’organizzazione dei programmi giovanili intrapresi, augurandosi di poterli realizzare insieme anche in Kurdistan. Il Pres. La Loggia, il Pres. Lamers e il Dott. Luciolli hanno apprezzato molto le parole della Dott.ssa Kader condividendo i valori da lei enunciati, e ribadendole che il popolo kurdo troverà nella NATO dei nuovi fratelli.