COPY RIGHT ©KRG ITALY 2015 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

02 giugno 2012
730 vittime di Anfal sono tornate per riposare a Suleimaniah

Suleimaniah, regione del Kurdistan - Iraq (KRG.org) - I resti di 730 kurdi decapitati o sepolti vivi durante la campagna di genocidio di Anfal del precedente regime sono stati restituiti alla loro patria lunedì per una cerimonia a Suleimaniah e di riseppellimento il giorno seguente.
I corpi sono stati recuperati da una fossa nei deserti della zona di Mahari della Provincia di Diwania nel sud dell'Iraq, dove sono stati scoperti lo scorso anno. Essi sono stati identificati come kurdi vittime della campagna di Anfal che furono massacrati dall'ex regime nel 1988.
Alla cerimonia per commemorare il loro ritorno alla regione, il Primo Ministro del KRG Nechirvan Barzani ha detto, "Le tombe di questi martiri che sono di fronte a noi sono il simbolo di tutti i nostri martiri." aggiungendo, "Ciò che abbiamo realizzato fino ad oggi è il risultato del sangue di questi martiri, che hanno sacrificato la loro vita per il bene del Kurdistan e il popolo kurdo, e abbiamo quindi promesso di difendere tutti questi risultati fino al nostro ultimo respiro."

"Coloro che sono stati eseguiti per commettere questi crimini sono l'eccezione," ha dichiarato il Primo Ministro. "Cambiamenti fondamentali sono ancora necessari fino a che ci sono ancora persone che cercano di proteggere l’ideologia del vecchio regime, ed è possibile che la stessa cosa possa accadere a noi di nuovo. Oggi, alcuni partiti politici stanno perseguendo lo stesso percorso del precedente regime," ha detto, concludendo che e' per questo motivo che il KRG sta cercando .

di creare una forte aderenza alla regola di diritto e la costituzione, al fine di non permettere che un altro dittatore che governi in Iraq di nuovo.
Più di 4.500 villaggi sono stati distrutti durante la campagna di Anfal e più di 180.000 persone sono state assassinate o scomparse. La campagna è stato riconosciuto come un genocidio da parte del Consiglio iracheno di rappresentanti e dal Tribunale iracheno, nonché da un numero di organizzazioni internazionali.
La maggior parte delle vittime sono state trovate nella provincia di Chamchamal, Garmeyan e Kadar-Karam, e sono stati tutte riseppellite in Chamchamal martedì nei pressi di un monumento che è stato costruito in ricordo del genocidio. Il Presidente del Kurdistan Masoud Barzani ha partecipato alla sepoltura martedì.
Le cerimonie sono state organizzate dal Ministero dei martiri e degli affari di Anfal del KRG, e alla cerimonia a Suleimaniah ha partecipato anche il Vice Presidente Kosrat Rasul Ali, il Portavoce del Parlamento del Kurdistan il Dr. Arsalan Bayiz, il ministro dei martiri e degli affari di Anfal Sabah Ahmed Mohamed, nonché alcuni membri dei Parlamenti iracheno e del Kurdistan, il Sindaco di Sulaymaniyah, Il Console Generale britannico nella regione del Kurdistan e un certo numero di altri funzionari.