COPY RIGHT ©KRG ITALY 2018 Kurdistan Regional GovernmentEnglish language

Governo Regionale del KurdistanRappresentanza In Italia

Roma - Lug 2015
Popolazione della Regione del Kurdistan

Popolazione: 5,2 milioni

Le persone che vivono nella regione del Kurdistan sono curdi, assiri, caldei, turkmeni, armeni e arabi.
La regione ha una popolazione giovane e in crescita, con il 36% di età compresa tra 0-14 anni, e solo il 4% di età superiore a 63 anni.
L'età media in Kurdistan è poco più di 20 anni, il che significa che oltre il 50% ha meno di 20 anni. [1]

Demograficamente la Regione del Kurdistan è notevolmente cambiata negli ultimi decenni soprattutto a causa della migrazione forzata operata dal precedente governo iracheno con il conseguente movimento dalle campagne alle città. Dal 2001, sempre a causa delle politiche che risalgono al 1971 del precedente regime, le persone sfollate hanno raggiunto il numero di 600.000; inclusi più di 100.000 persone espulse nel novembre del 1991 da Kirkuk dal governo iracheno. Secondo un sondaggio dell' UNDP, il 66% delle persone che vivono nella provincia di Duhok sono state costrette a cambiare, ad un certo punto della loro vita, a cambiare la loro residenza. A Slemani sono il 31% e ad Erbil il 7%. [2]

Tradizionalmente, la maggior parte degli abitanti della Regione del Kurdistan ha vissuto in villaggi con un economia basata sull'agricoltura e sulla zootecnia principalmente di ovini e caprini grazie alla fertilità della terra.
La Regione era conosciuta come il granaio dell'Iraq. Oggi questa tendenza si è invertita, e la maggioranza del lavoro è concentrato nelle tre principali città (Erbil, Duhok e Slemani) nelle istituzioni governative, nell'edilizia e nel commercio.
Nel 1980 il regime di Saddam Hussein ha distrutto oltre 4.000 villaggi e ha spostato forzatamente i residenti in città collettive. Molti di questi villaggi sono stati ora ricostruito.
Il Governo Regionale del Kurdistan, con il supporto di agenzie delle Nazioni Unite e di ONG, dopo il 1991 ha ricostruito 2.620 dei circa 4.000 villaggi distrutti.

[1] UNDP Iraq rilevamento sulle condizioni di vita del 2004, Volume 1 Relazione Tabulation, Tabella 1.6: Età a grandi gruppi, media e l'età media.

[2] UNDP Iraq rilevamento sulle condizioni di vita del 2004, Volume 1 Relazione Tabulation, Tabella 1.12: Spostamento a causa della guerra.